Attualità
Personaggio

Dopo il Gfvip la tradatese Sophie confessa: "Per mesi ho avuto paura degli uomini"

Ospite di "Verissimo" ha rivissuto il trauma della violenza subita dalla madre Valeria Pasciuti da parte del suo ex compagno.

Dopo il Gfvip la tradatese Sophie confessa: "Per mesi ho avuto paura degli uomini"
Attualità Tradate, 25 Marzo 2022 ore 13:37

La bella influencer tradatese Sophie Codegoni, reduce dalla partecipazione al «Grande Fratello Vip» lunga ben sei mesi, è stata ospite nel weekend nel salotto televisivo di «Verissimo» su Canale 5. E non sono mancati momenti di commozione e di confessioni intime con la presentatrice Silvia Toffanin. Insieme hanno infatti rivissuto il trauma della violenza subita dalla madre Valeria Pasciuti che, come raccontato anche nel reality, ha subito violenze dal suo ex compagno.

Dopo il Gfvip la tradatese Sophie confessa: "Per mesi ho avuto paura degli uomini"

«Dopo essersi separata dal padre del mio fratellino Ricky, si è fidanzata con questo uomo che ha creato in me tante fragilità e paure. Mi sono sentita in colpa per mesi perché ero presente nel momento della violenza e non sono riuscita a fare nulla per evitarla e per difendere mia madre, che è arrivata al punto di non riuscire più a respirare perché aveva le mani di lui alla gola. Sono arrivate anche le ambulanze», rivela, aggiungendo: «Non mi è mai piaciuto e più volte avevo detto a mia madre di allontanarsi da lui. Ho ancora in mente i suoi occhi mentre, durante le violenza, mi diceva “ti amo da impazzire, prenditi cura di Ricky”». Il trauma è durato a lungo: «Mi ha fatto sentire in colpa perché mi diceva che ero io a creare problemi e un’atmosfera cattiva in famiglia. Per mesi ho vissuto con la paura che le succedesse qualcosa. Ho riattaccato il cordone ombelicale e continuavo a chiamarla preoccupata, non facendola più vivere». E infine: «Ho commesso l’errore di pensare che tutti gli uomini fossero come lui e per questo per molto tempo non sono riuscita a fidarmi di nessuno, neanche di amici maschi. Ora però ho capito che esistono anche uomini meravigliosi. Gli atti di violenza vanno invece sempre denunciati, come abbiamo fatto noi e speriamo che la giustizia ci dia presto delle risposte».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter