Attualità
Saronno

C'è l'accordo sulla procedura per la bonifica dell'ex Isotta

Mancano solo gli ultimi adempimenti burocratici

C'è l'accordo sulla procedura per la bonifica dell'ex Isotta
Attualità Saronno, 02 Marzo 2022 ore 09:56

La bonifica dell’area ex Isotta Fraschini ad opera della proprietà potrà partire non appena completato il rilascio delle autorizzazioni formali.

Ex Isotta, chiusa la Conferenza dei Servizi

Nella mattinata di ieri si è svolta in maniera decisamente proficua l’ultima Conferenza dei Servizi che ha visto impegnati in questi mesi vari enti pubblici - Comune di Saronno, Arpa, Provincia di Varese, Regione Lombardia - con la proprietà di Saronno Beni Comuni, nell’analisi del progetto di bonifica elaborato dai tecnici della proprietà stessa.

Il progetto, integrato in una efficace collaborazione da scambi di vedute, osservazioni e proposte tra tutti gli stakeholder ha avuto il via libera da parte di tutti gli enti preposti nell’incontro di ieri mattina.

“L’Amministrazione è molto soddisfatta per questo ottimo risultato – commenta l’assessore all’Ambiente, Franco Casali – che conclude la fase di attenta pianificazione della bonifica con un mese e mezzo di anticipo rispetto ai tempi previsti. La proprietà ha dimostrato un’apprezzabile attenzione all’ambiente, prevedendo la piantumazione in loco di ogni pianta che dovrà essere abbattuta nel corso dell’intervento, in luogo della consueta monetizzazione richiesta da molti attuatori, e in generale alla qualità della bonifica, concordando con le amministrazioni coinvolte tutte le azioni e modalità di controllo che garantiranno la corretta esecuzione degli interventi di bonifica e ambientali”.

Non appena saranno completate le autorizzazioni formali, il privato potrà iniziare ad effettuare “prove pilota” sull’area e di conseguenza sarà in grado di definire il cronoprogramma delle varie fasi operative. Come già ipotizzato, la bonifica sarà effettuata in tre lotti e si prolungherà per circa due anni.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter