Regione Lombardia - Sanità

Rimpasto nella Giunta regionale: “Aperti al dialogo, ma problemi sempre sul tavolo”

Il sindacato ANAAO-ASSOMED Lombardia: "L'ex assessore Galleria non è il solo responsabile, le difficoltà del sistema sanitario c'erano anche prima del Covid"

Rimpasto nella Giunta regionale: “Aperti al dialogo, ma problemi sempre sul tavolo”
Altro Varese, 12 Gennaio 2021 ore 11:07

 

 

 

Dopo il rimpasto in Giunta il Segretario Regionale del sindaco Anaao Assimed,  Stefano Magnone: “L’ex assessore Gallera non può essere certo considerato unico e solo responsabile di come la sanità lombarda abbia reagito alla pandemia. Le premesse per le difficoltà c’erano già tutte nel disinvestimento sul territorio, abbandonato a sé stesso ben prima del Covid senza una reale ristrutturazione della rete ospedaliera, insostenibile per molti motivi”.

Rimpasto in Giunta: “I problemi della sanità lombarda restano”

Sono partiti ufficialmente ieri i lavori per la nuova Giunta Regionale lombarda, annunciata pubblicamente dal presidente Attilio Fontana lo scorso sabato 9 gennaio. Il nuovo assessore al Welfare, nonché vicepresidente della giunta Letizia Moratti, ha preso il posto di Giulio Gallera, che ha guidato nel terribile periodo dell’emergenza sanitaria, non ancora archiviato, il Servizio Sanitario Regionale più colpito del mondo occidentale.

 

Stefano Magnone, Segretario Regionale ANAAO-ASSOMED Lombardia, commenta così il rimpasto:

“Lungi da noi l’esprimere giudizi sommari su un periodo che verrà ricordato per decenni, ci sembra però che l’intento vagamente liquidatorio dell’avvicendamento non possa evitare una chiamata alla corresponsabilità di tutta la maggioranza di governo regionale. In altre parole, l’ex assessore Gallera non può essere certo considerato unico e solo responsabile di come la sanità lombarda abbia reagito alla pandemia. Le premesse per le difficoltà c’erano già tutte nel disinvestimento sul territorio, abbandonato a sé stesso ben prima del COVID senza una reale ristrutturazione della rete ospedaliera, insostenibile per molti motivi”.

Ripensare alle rete ospedaliera lombarda

L’onorevole Matteo Salvini ha recentemente affermato che vanno riaperti gli ospedali chiusi a causa dei tagli imposti dall’Unione Europea. ANAAO-ASSOMED Lombardia crede che la serietà richiesta dalla riforma necessiti un concreto “ripensamento della rete ospedaliera lombarda e non logori slogan elettorali. Insieme al territorio sguarnito c’è il tema della prevenzione, divisa in sé stessa tra ATS e ASST, e mancante di una regia vera e forte. Da ultimo, è evidente che l’eccellenza del sistema sanitario lombardo e il rapporto pubblico-privato meritino seri approfondimenti invece di stanche autoassoluzioni e proclami autoreferenziali”.

ANAAO-ASSOMED è, anche in Lombardia, il sindacato di gran lunga più rappresentativo e ha già trattato il tema della riforma a ottobre in un convegno pubblico. A breve l’evento sarà ripetuto con intenti analoghi ma con accenti diversi e, mentre augura a Letizia Moratti buon lavoro e concede l’onore delle armi a Giulio Gallera, conferma la propria disponibilità a contribuire al ridisegno della sanità regionale più grande d’Italia.

 

 

 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità