Menu
Cerca
Gornate Olona - Tradate

Il Cardinal Coccopalmerio a Gornate: benedizione speciale per ragazzi e agenti

 Accolto dal sindaco e dalla comunità, il cardinale ha celebrato la santa messa al santuario della Madonnetta. Presenti in alta uniforme anche due agenti della Polizia locale di Tradate che da mesi collaborano con l'Amministrazione gornatese

Il Cardinal Coccopalmerio a Gornate: benedizione speciale per  ragazzi e  agenti
Altro Tradate, 01 Giugno 2021 ore 10:35

 

 

 

Il Cardinal Francesco Coccopalmerio celebra una messa nel santuario della Madonnetta. Benedizione speciale per i ragazzi che a giorni riceveranno la Cresima e per gli agenti del Comando di Polizia locale che da alcuni mesi prestano servizio anche nel comune di Gornate Olona.

Il Cardinale Coccopalmerio in visita a Gornate Olona

Accoglienza senza precedenti per il Cardinal Francesco Coccopalmerio venerdì scorso al Santuario della Madonnetta. Oltre al sindaco Paolino Fedre e al vice sindaco Rolando Squizzato e a diversi consiglieri comunali, erano presenti per la prima volta due agenti in alta uniforme che hanno fatto gli onori di casa scortando il Gonfalone civico presente nella piccola chiesetta situata all’interno del parco Rile Tenore Olona. Il Cardinal Coccopalmerio, 83 anni, Presidente emerito del Pontificio Consiglio per i testi legislativi di Santa Romana Chiesa, ha dapprima guidato i vespri assieme al parroco don Giuseppe Pediglieri e poi celebrato una Santa Messa alla quale hanno partecipato, in prima fila, i ragazzi di Gornate Olona e Castelseprio che a giorni riceveranno la Cresima.

3 foto Sfoglia la gallery

Benedizione speciale agli agenti del comando tradatese

La presenza del presule, creato Cardinale nel 2012 da Papa Benedetto XVI, non è nuova per Gornate: la partecipazione dei 2 agenti della Polizia Locale con mantella regionale e le sciabole d’ordinanza hanno richiamato l’attenzione anche del Cardinale che, all’omelia, ha voluto impartire una benedizione speciale non solo alla Comunità parrocchiale unica di Gornate e Castelseprio ma anche al Comando di Polizia Locale della vicina Città di Tradate che da alcuni mesi “presta” due suoi operatori al confinante comune gornatese per il disbrigo degli affari correnti e per pattugliare il territorio comunale. Questo luogo era venerato già prima che venisse costruito il Santuario, perché un artista ignoto dipinse qui una Madonna con Bambino che suscitò subito venerazione. Più tardi, venne costruito un tetto a coppi per proteggere il dipinto dalle intemperie, e nel 1667 si ebbe la prima di dieci guarigioni miracolose. Nel 1680 venne ultimata la costruzione del Santuario con architettura tipica dell'epoca, con un piccolo campanile che spunta dal tetto. Nel tempo il Santuario è stato restaurato per assumere un aspetto più elegante.