Menu
Cerca
Appello

“Aiutatemi a trovare il signor Mario di Legnano”

"Era vicino di letto di mio padre, morto per Covid all'ospedale di Busto Arsizio. Ho bisogno di parlare con lui per mettere pace dentro di me".

“Aiutatemi a trovare il signor Mario di Legnano”
Altro Valle Olona, 24 Aprile 2021 ore 15:03

“Aiutatemi a trovare il signor l’uomo che ha visto morire mio papà”.

“Aiutatemi a trovare il signor Mario”

È l’appello accorato lanciato da Francesca Fanelli, 50 anni, residente a Castellanza, che da settimane sta cercando “il signor Mario”, che a gennaio è stato compagno di stanza di suo padre nel reparto di Pneumologia Covid dell’ospedale di Busto Arsizio. “So solo che abita a Legnano e ha dei figli più o meno della mia età” dice la donna.

 

“Vogliamo sapere se papà ha detto qualcosa”

Pasquale Fanelli, 80 anni compiuti lo scorso 7 settembre, bustocco, si è spento all’1 di notte del 24 gennaio, vinto dal Covid che l’ha strappato all’affetto dei suoi cari in una manciata di giorni. Sono passati tre mesi, ma la donna non si dà pace. E come lei la sorella Angela e la madre Marta. “Vogliamo sapere se papà si è reso conto che stava per morire, se ha detto qualcosa, se ha parlato di noi – spiega Francesca – Ci piacerebbe che chi ha raccolto le sue ultime parole, i suoi ultimi istanti, ce li ‘consegnasse’. Questa fine così improvvisa, in solitudine, è difficile da accettare, fa troppo male”.

“Vi prego, condividete il più possibile”

“Papà occupava il letto numero 7, è stato ricoverato il 22 gennaio ed è morto la notte del 24; il signor Mario, che aveva circa 75 anni, era in ospedale già da diversi giorni e stava migliorando, papà ci raccontava che di lì a poco sarebbe stato dimesso. Ai lettori di PrimaMilanoOvest rivolgo una preghiera: ve lo chiedo col cuore in mano, condividete il più possibile il mio appello, aiutatemi a trovare il signor Mario. Per noi è molto importante. Abbiamo bisogno di parlare con lui per mettere pace dentro di noi”.

Nella foto di copertina: Francesca Fanelli insieme al padre Pasquale, vinto dal Covid lo scorso 24 gennaio all’ospedale di Busto Arsizio